Supreme Commander 2 - Recensione

Scritto da Riccardo Bindella   
Martedì 30 Marzo 2010 13:48

Supreme Commander 2

 

Tesi, antitesi e sintesi: il paradigma letterario per eccellenza non è mai stato così azzeccato quanto per le dinamiche alla base dell'ultimo RTS di Gas Powered Games.

Supreme Commander 2, ideologicamente parlando, torna leggermente indietro verso il celebre Total Annihilation, abbandonando quindi alcuni degli elementi chiave che hanno differenziato alla sua uscita il primo Supreme Commander dalla concorrenza.

Per essere chiari, il cambiamento fondamentale è tutto nella cospicua riduzione di scala: laddove Supreme Commander offriva il massimo in termini di coinvolgimento emotivo offerto dalla partecipazione ad una situazione ludica semplicemente più grande di noi, il suo seguito standardizza la sua natura titanica dando vita a quella che possiamo definire una perfetta via di mezzo tra vecchio e nuovo concept.

Ma andiamo con ordine: come ogni RTS che si rispetti, anche Supreme Commander 2 offre una campagna in modalità single-player che come al solito rappresenta il più canonico degli ibridi tra story telling e tutorial. Un totale piuttosto poco generoso di 18 missioni che attraversa tutta la vicenda narrata, posizionandoci nel ruolo dei tre diversi Commander delle tre fazioni in gioco: UFC, Illuminati e Cybran.

 

 

Per quanto il numero di missioni esiguo sia giustificabile dalla presenza di una differenziazione delle unità tra le varie razze meno marcata di quanto possa accadere in prodotti concorrenziali quali ad esempio Red Alert e Starcraft, il titolo potenzialmente offre comunque molteplici approcci e possibili situazioni. Situazioni che non è facile vedere sviluppate al massimo del loro potenziale nell'arco della modalità single player.

In poche parole, le idee di base che compongono l'architettura di gioco sono molte, grazie soprattutto al maggior numero di unità speciali, ma solo con una cospicua partecipazione nelle schermaglie custom offline e online è possibile vedere tutti gli sviluppi possibili delle stesse, andando quindi a diminuire il valore del materiale offerto nei confronti di un'utenza di stampo meno hardcore. Un vero peccato, perchè l'idea generale che percepisce il giocatore è quella che neanche gli sviluppatori in primis non abbiano creduto nell'alto potenziale nascosto nel prodotto.

Parlando proprio di sviluppi e di situazioni, una delle innovazioni più interessanti di Supreme Commander 2 è la presenza di una nuova risorsa chiamata Punti Ricerca; grazie a questa sarà possibile muoversi attraverso il tier di unità e potenziamenti in maniera molto più dinamica. Il vecchio sistema lineare è stato dunque sostitutito dalla possibilità di fare scelte multiple attraverso un menù ad albero diviso per unità di terra, aria, acqua, strutture e commander.

Un'introduzione talmente radicale che ha determinato tutte le differenze di fondo presenti in questo sequel; innanzitutto il dinamismo degli scontri è stato accellerato e reso più vario; ora è necessario reagire velocemente alle scelte miste dell'avversario, reazione che ovviamente porta alle contro-reazioni del nostro nemico, in un turbinio di scelte "sasso, forbici, carta" molto più appassionante che in passato, e se vogliamo più vicino ai canoni del genere.

 

 

Dinamismo ed accellerazione delle tempistiche che ha diminuito notevolmente l'erorme tensione negli scontri tipica del primo episodio; le unità sperimentali, capaci di radere al suolo interi plotoni di unità standard, sono solo un vecchio ricordo: tutto è stato normalizzato ed ora anche le unità sperimentali, sempre comunque molto potenti, hanno un ruolo più specifico, andando dunque ad arricchire lo spettro di possibili scenari.

Questa scelta ha rappresentato l'elemento di principale scissione della community nata con il primo Supreme Commander. Infatti se è vero che la velocizzazione del ritmo di gioco ha reso l'esperienza globalmente più accessibile e professionale, è anche vero che l'elemento di epicità unica che offriva il prequel, e che lo teneva a galla nonostante la spietata concorrenza, è andato completamente perduto.

Gli scenari di Supreme Commander 2 sono stati resi ancora più vari da una migliore costruzione delle mappe, ora su scala decisamente meno vasta, che ha permesso ai programmattori di concentrarsi su una maggiore cura nei dettagli, e la differenziazione delle mappe di gioco ha introdotto in maniera più massiccia che in passato la necessità per il giocatore di studiare i strategicamente i campi di battaglia offerti.

 

 

Altra risvolto positivo del cambio di rotta è quello che ha visto la riduzione del numero di unità per mappa che, pur mantenendosi numericamente elevato se paragonato alla concorrenza, ha permesso di ottimizzare le prestazioni grafiche, donando al prodotto un ottimo senso di fluidità e di chiarezza negli scontri, elemento fondamentale perchè si possà instaurare un'esperienza multigiocatore piacevole e gratificante.

Per evitare fraintendimenti, la grafica di Supreme Commander 2 è assolutamente di prim'ordine, grazie alla presenza di unità solide e molteplici effetti di luci e trasparenze, ma grazie alla riduzione della vastità degli scontri sono le performance ad aver ricevuto il miglior beneficio.

Per quanto riguarda il comparto online è possibile partecipare, senza grossi problemi legati alla latenza, a partite multigiocatore che vanno dal semplice 1vs1 ad emozionanti 4v4; inoltre è possibile scegliere tra tre diverse modalità (Assassinio, Supremazia e Guerra Infinita) ognuna delle quali giustifica un approccio diverso alla partita da parte del giocatore.

 

 

Commento Finale

Supreme Commander 2 non ha difetti particolarmenti evidenti, ma neanche pregi da rimarcare: purtroppo il nuovo RTS di Gas Powered Games non ha neanche trovate troppo originali da distinguerlo da esperienze concorrenziali attuali o precedenti.

Se state cercando un RTS con un gameplay tipico per il genere a cui appartiene, e soprattutto non riuscite più ad aspettare l'arrivo dell'attesissimo Starcraft 2, allora Supreme Commander 2 è assolutamente il prodotto che fa per voi. Ma chi è in cerca di novità potrebbe rimane (alquanto) deluso.

Supreme_Commander_2_boxvoto

 

xboxone.png

sony.png