RSS
Twitter

Facebook

G-Force - Recensione

Scritto da Celine Ugazzi   
Lunedì 23 Novembre 2009 18:44

G-Force - Recensione DS

 

Ispirato alla pellicola cinematografica che ha sbancato in autunno i botteghini di tutti i cinema ecco arrivare G-Force, il videogame prodotto da Disney Interactive per piattaforma Nintendo DS.

Proprio come il film, G-Force si presenta come un titolo action che ha come protagonisti una simpatica e iper-attrezzata squadra di porcellini d'india alle prese con un complicatissimo caso di sicurezza mondiale.

A causa di un malefico genio dell'industria informatica, nel mondo è stato rilasciato un programma in grado di far ribellare qualsiasi tipo di oggetto elettronico; tutti gli organi di sicurezza del mondo cercheranno di risolvere la situazione, ma solo la G-Force muovendosi nell'ombra sarà in grado di sgominare il nemico.

Una volta iniziato il gioco avremo subito la possibilità di notare la pregevolezza della grafica per un prodotto destinato alla console portatile Nintendo DS: le cinematiche sono molto immersive e anche le ambientazioni del gioco risultano abbastanza curate. I personaggi poi, sono rappresentati in maniera deliziosa, proprio come sul grande schermo.

Nel corso dell'avventura saranno sostanzialmente due i personaggi che potremo utilizzare: Darwin, il capo delle squadra G-Force, e Smooch, una simpatica mosca che potrà essere utilizzata a mo' di drone per penetrare negli spazi più angusti. Darwin avrà a disposizione diversi equipaggiamenti che lo renderanno in grado di svolgere diverse attività, fra cui addirittura la possibilità di poter fluttuare a mezz'aria grazie al suo jetpack.



Il titolo si compone di diversi livelli, per la maggior parte a connotazione platform/action, con alcune fasi esplorative intervallate dalla presenza di enigmi che rendono G-Force un prodotto mai ripetitivo.

Per ciò che riguarda il comparto audio invece qualche piccola imprecisione viene a galla: il gioco è infatti sì sottotitolato in italiano, ma le musiche di sottofondo passano piuttosto inosservate.

Altra piccola pecca è costituita saltuariamente dalla gestione della telecamera, che soprattutto nelle sezioni platform rischia di tanto in tanto di inficiare la giocabilità complessiva del titolo: è possibile infatti fallire o dover ricominciare da capo una missione non per la sua difficoltà intrinseca (mediamente bassa) ma proprio a causa delle imperfette inquadrature offerte dalla regia virtuale.

A proposito della difficoltà di completare l'avventura, tenendo bene a mente che stiamo parlando di un prodotto dedicato ad un pubblico under 16, difficilmente G-Force si mostrerà ostico alla maggior parte dei giocatori, facendosi quindi apprezzare da un pubblico piuttosto vasto.

Per quanto riguarda il sistema di controllo, G-Force necessiterà l'utilizzo dei controlli direzionali e dello stylus a seconda dei momenti di gioco: nelle situazioni in cui sarà necessario ricostruire puzzle e risolvere enigmi, l'utilizzo del pennino sarà in grado di regalare molte soddisfazioni, mentre nelle sezioni action la prontezza di riflessi sulla croce direzionale fornirà la spinta giusta per superare ogni avversario che si presenterà tra noi e il completamento della missione.

 

 

Commento Finale

In conclusione si può tranquillamente affermare che G-Force rappresenta un ottimo prodotto per piattaforma Nintendo Ds, considerando anche la natura di tie-in dello stesso.

Dotato di una grafica convincente e di un gameplay sufficientemente vario, il titolo Disney pecca solo per una scarsa longevità, dato che può essere terminato in meno didieci ore di gioco, e di una rigiocabilità piuttosto limitata.

78/100

 

xboxone.png

sony.png